Pino in azione e Gwibber va in pensione :)

domenica 4 aprile 2010 a 17:09
Come ben sapete Ubuntu ha introdotto nell'installazione di default Gwibber. Un client desktop per il microblogging.
Un piccolo buco nell'acqua se vogliamo. Infatti questo software è uno dei più pesanti nel suo campo.
Chiunque di voi avrà sentito parlare di Pino. Questo leggerissimo ma completo client di microblogging si è fatto strada tra i suoi concorrenti per la sua semplicità di utilizzo e per velocità. Esso è scritto in Vala, un linguaggio di programmazione derivato dal C che non richiede una macchina virtuale per essere eseguito. Ciò rende i software sviluppati con esso veloci e reattivi.
Ma perchè Ubuntu non ha preferito Pino a Gwibber??
La risposta è semplice. Fino ad allora Pino non si integrava con l'Applet Indicatore e soprattutto era ancora un progetto in fase embrionale, quindi era stato scartato.
Non si integrava fino ad ora! ;)
Con l'aggiornamento alla nuova versione avremo infatti quest'ultima interessante feature.

State già sbavando?? Perfetto!
Per averlo sulla vostra Ubuntu Box basterà aggiungere i suoi repo già pienamente compatibili con Lucid!

Da terminale date:
sudo add-apt-repository ppa:vala-team/ppa 
sudo add-apt-repository ppa:troorl/pino
Questi repo contengono rispettivamente le librerie vala e il software pino aggiornati all'ultima versione disponibile.
Ora aggiorniamo la cache, aggiorniamo la nostra distribuzione e installiamo pino con un solo comando:
sudo apt-get update && sudo apt-get upgrade && sudo apt-get install pino
Dopodichè potete tranquillamente disabilitare Gwibber. Sarà solo un peso in più!
 Lippol94.

9 commenti

  1. technos Says:

    Comodissimo Pino, su un altro pianeta rispetto al mammuth Gwibber

  2. Anonimo Says:

    Vala derivato da mono ?! ma stiamo scherzando ?

  3. Anonimo Says:

    ci stiamo scordando di facebook. gwibber supporta ancora facebook e altro. per ora i più importanti sono facebook,twitter e identi.ca . solo che twitter e identi.ca lo usano complessivamente in pochi in italia.

  4. Marco Says:

    certo pino è più leggero di gwibber, altrettanto evidentemente ha numerose features in meno -prima fra tutti la quantità di piattaforme supportate e la possibilità di visualizzare direttamente i flussi di specifici utenti. Detto questo, per restare all'argomento del post: integrazione con la indicator applet andrebbe messa fra una serie di virgolette, poiché per il momento si tratta giusto di un launcher. Click, apre il programma, nulla di più (nemmeno click-ancora il programma si minimizza).

  5. Lippol Says:

    @Marco:

    poiché per il momento si tratta giusto di un launcher. Click, apre il programma, nulla di più (nemmeno click-ancora il programma si minimizza).

    Non lo fa ne Gwibber ne Evolution ne Empathy :)

  6. technos Says:

    @Anonimo:

    è vero, Gwibber supporta più servizi.
    Però questo non giustifica la sua pesantezza: sul mio computer ci mette 30 secondi ad avviarsi :(

  7. Anonimo Says:

    Complimenti, sia per questo sito (che spesso consulto per il mio ubuntu), sia per il programmino per invertire i bottoni.
    enrico

  8. Anonimo Says:

    a... ovviamente per la dritta di "pino"
    enrico

  9. Free_alucarD Says:

    Grazie grazie :) Il post è di lippol però :) anche se ne avevo già fatto uno io se non sbaglio ma comunque siamo open eheh

Posta un commento